Visitare Forcatura | Turismo in Umbria, Appennino folignate - Guida77
1101
page-template-default,page,page-id-1101,tribe-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_text_scaledown,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.2.1,qode-theme-bridge,qode_advanced_footer_responsive_1000,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive
 

Forcatura

Una terrazza sul parco

Posto su un’altura (q. 850 m) tra la palude di Colfiorito e il Piano di Arvello, l’abitato è uno dei centri più floridi della montagna folignate, prevalentemente votato alla zootecnia. Se ne ha la prima notizia nel 1098, in un documento che elenca tutti i beni che i conti Monaldo ed Oderisio vendono a Dioniso, rettore della chiesa di Santa Croce di Sassovivo; nel 1197 la bolla di papa Celestino III cita possedimenti ed uomini in Forcatura di pertinenza del monastero di Santo Stefano di Gallano. Forcatura è riportata nella carta del Danti in Vaticano. Di grande interesse urbanistico è la parte più antica del paese, a pianta quadrangolare. La chiesa di San Lorenzo, nota dal 1239, è stata interamente riedificata presumibilmente nell’Ottocento. Ad unica navata, con copertura a doppio spiovente e due cappelle sulle pareti laterali, è affiancata da una torre campanaria con quattro finestre ad arco. La festività principale è San Lorenzo, il 10 agosto, che si celebra con una solenne processione.

Percorsi da fare