Visitare Rasiglia | Turismo in Umbria, Appennino folignate - Guida77
341
page-template-default,page,page-id-341,page-child,parent-pageid-146,tribe-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_text_scaledown,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.2.1,qode-theme-bridge,qode_advanced_footer_responsive_1000,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive
 

Rasiglia

Le sue sorgenti d’acqua, che attraversano l’abitato, ne fanno un luogo magico da non perdere

Il documento più antico che attesta l’esistenza della comunità di Rasiglia risale al 1210 e ricorda una chiesa dedicata a San Pietro. Altre testimonianze riportano l’appartenenza di Rasiglia ai conti di Serrone e di Scopoli. Dal 1258 risulta essere un castrum del Comune di Foligno. I Trinci, signori della città, dalla fine del Trecento sono presenti a Rasiglia e avviano attività manifatturiere che sfruttano la presenza abbondante dell’acqua.

Su Rasiglia e il suo territorio confluiscono numerose sorgenti provenienti dalla valle e dalle montagne sovrastanti (Verchiano e Colfiorito) tanto da poter alimentare otto comuni della Valle Umbra. L’acqua che abbondante attraversa l’abitato e lo caratterizza in modo unico, proviene dalla sorgente di Capovena, posta alla sommità del paese e alimentata, secondo un’antica leggenda, da una sorgente sita in località Acquapagana, sui piani di Colfiorito.

Mulini idraulici da granaglie costituiscono i primi impianti produttivi che ben presto si arricchiscono con il ciclo produttivo della lana, dalla tosatura, alla filatura, alla tintura e infine alla tessitura. Fino al primo dopoguerra gli opifici di Rasiglia hanno prodotto tessuti, utilizzando la canapa coltivata in loco e la lana nel suo totale processo produttivo, raggiungendo livelli di alta qualità attraverso due poli produttivi principali: il lanificio Tonti e il lanificio Accorimboni.

L’Associazione Rasiglia e le sue sorgenti, che interpreta la radicata volontà degli abitanti di valorizzare la propria storia, organizza ogni anno avvenimenti di grande attrattiva: Rasiglia paese presepe in occasione del Natale, e Penelope a Rasiglia nella tarda primavera. Ambedue pongono in evidenza la vita e l’operatività che ha caratterizzato questo luogo particolare, protetto da vincolo di interesse storico-monumentale da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Il visitatore può godere dell’operatività delle tessitrici che azionano i telai a mano e apprezzare l’unico telaio meccanico –un tempo azionato dalla forza idraulica poi da quella elettrica- del tipo Jaquard che testimonia con il tessuto ancora in lavorazione il suo ruolo di innovazione legato al progresso della tecnica.

All’interno dell’abitato sorge la chiesa dei Santi Pietro e Paolo, edificata nel 1743 per volontà della popolazione che ne pagò la spesa di 15 scudi per 10 anni per ogni famiglia, ritenendo la chiesa del castello allora in uso pericolante e troppo scomoda. All’interno quattro pale d’altare della seconda metà del Settecento: sul primo altare a sinistra Madonna del Rosario (seconda metà XVIII secolo); sull’altare maggiore Trinità con i santi patroni Pietro e Palo e Sant’Emiliano protettore dai terremoti attribuita al Maestro di Popola (seconda metà XVII secolo); a seguire Madonna col Bambino e Sant’Antonio di Padova di Nicola Epifani (XVIII secolo); a sinistra Madonna col Bambino e San Nicola di Bari di Nicola Epifani (XVIII secolo).

A poca distanza dall’abitato sorge il Santuario di Santa Maria delle Grazie, la cui data di fondazione risale al 1450. L’interno della chiesa è totalmente affrescato con dipinti votivi della seconda metà del Quattrocento.

Dal santuario della Madonna delle Grazie, proseguendo lungo la SS: Sellanese, ci si inoltra nell’area delle tante piccole sorgenti che formano il fiume Menotre, come Molini, San Paterniano, Pallailla, Chieve ed altre e si giunge a Ponte San Lazzaro, ove restano i ruderi dell’antico lazzaretto, incrocio con la storica via della Spina che dall’antichità ha consentito il passaggio delle greggi dalla pianura verso i monti e dei pellegrini diretti a Loreto.