Visitare Collelungo | Turismo in Umbria, Appennino folignate - Guida77
652
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-652,page-child,parent-pageid-146,tribe-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode_popup_menu_text_scaledown,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.2.1,qode-theme-bridge,qode_advanced_footer_responsive_1000,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive
 

Collelungo

Una finestra su Pale

Proseguendo la strada una deviazione sulla destra conduce a Collelungo (696 m.), a 14 Km da Foligno, da cui si gode un bellissimo panorama sull’omonima valle fino al monte di Pale. Menzionato già nel 756 in un documento dell’abbazia di Farfa relativo ad una transazione tra il re longobardo Astolfo e il monaco Fulcualdo, rettore dell’abbazia, nel 1160 fa parte dei possedimenti dell’abbazia di Santo Stefano di Gallano. Nel 1670 era sede di un Monte del grano.

L’abitato, riportato nella Galleria delle Carte in Vaticano del 1581, ha un nucleo fondativo di origine medievale, con stalle e rimesse site al piano terreno e le abitazioni al piano superiore. La chiesa di Santa Maria Assunta, attesta nel 1295, è stata ricostruita nel Seicento; è a pianta rettangolare con unica navata, con il corpo della sacrestia sul lato destro. In onore di San Francesco 22 giorni dopo la Pasqua si svolge una processione lungo le vie del paese; l’Assunzione di Maria si celebra il 15 agosto.

Tesina

Segnali medioevali

Ripresa la strada principale si giunge all’abitato di Tesina (710 m.), a 15 Km da Foligno, posto a mezza costa sul fianco di Colle Prete. Di origine medievale, come attesta un edificio a valle dell’abitato, si sviluppa lungo una strada che in passato collegava le valli di Collelungo e del Rioveggiano. L’impianto abitativo è di carattere rurale, con stalle e fienili siti al piano terreno e le abitazioni al piano superiore.

Pisenti

La terrazza dell’Appennino umbro

Sito a quota 792 m. il paesino si colloca in posizione panoramica su uno sperone del massiccio montuoso su cui si sviluppa l’abitato di Seggio. Se ne ha la prima notizia in una carta dell’Abbazia di Santa Croce di Sassovivo del 1083; con il nome di Pisienti è riportato nella carta dell’Umbria di Ignazio Danti (1581). Il paese è votato alla coltivazione delle patate, lenticchie e cicerchie e all’allevamento del bestiame per uso familiare. L’abitato si presenta come un nucleo accentrato, costituito da casalini a schiera. La chiesa di Santa Maria Immacolata o della Concezione, sorta in epoca moderna, è menzionata per la prima volta nella visita pastorale del vescovo Troili (1699).

Percorsi da fare